Aperte iscrizioni per la Scuola di lingua italiana per donne straniere di Carminella APS

 



                                              


















(clicca sulle immagini per ingrandirle)

          Aperte iscrizioni per la Scuola di lingua italiana per donne straniere di Carminella APS: VENERDI' 8 OTTOBRE DALLE 10 - ALLE 13 E DALLE 15 ALLE 18 SABATO 9 OTTOBRE DALLE 15 ALLE 19  

***** 

Il progetto si focalizza sull’offerta di corsi gratuiti di lingua italiana come L2 per donne straniere. I corsi, svolti da una equipe di insegnanti, mediatrici ed operatrici qualificate, si svolgeranno *in presenza* nella sede di Stonella al Quadraro, (Via dei Quintili 219/221, a 10 minuti a piedi dalla Fermata Porta Furba Quadraro – Metro A), dal mese di novembre 2021 al mese di maggio 2022, si articoleranno in gruppi di studio che coprono l’intero percorso di apprendimento; dalla prima alfabetizzazione al livello B1 del QCER (Quadro Comune di Riferimento). La Scuola è aperta alla partecipazione di donne immigrate residenti nel Comune di Roma e comuni limitrofi. Da quest'anno inoltre, oltre le già consolidate attività di Laboratori didattici, uscite di interesse storico artistico ed eventi culturali, sarà possibile consultare i volumi della *Biblioteca antirazzista Carminella*, costruire unità didattiche ad hoc, offrendo alle discenti l’opportunità di conoscere ed approfondire i processi storico culturali che, nel tempo, hanno determinato storie significative di discriminazione nei confronti di coloro che vengono considerati “i diversi da sé”.





"Pinturas", la nuova ricerca di Marcela Szurkalo


http://www.marcelaszurkalo.it/it/pinturas/




“Pinturas”

Linea e colore, ritmo e danza, voce e musica, movimento e spazio…..

Linea e colore, ritmo e danza, voce e musica, movimento e spazio sono per Marcela comunicazione e coinvolgimento “Verso l’altro”, in una dimensione umana la più ampia possibile della propria realtà artistica.” (Cecilia Spetia, Storica e Critica d’arte).

Vedi qui l’articolo completo, con le foto e descrizione delle opere.

Negli ultimi anni, attraverso le diverse discipline artistiche, Marcela trova un suo linguaggio personalissimo ed inizia una ulteriore ricerca: “la pittura”
Così nascono nuove idee, che con lo studio approfondito dell’arte e della pittura, insieme alla conoscenza e la creatività del movimento del corpo, la musica, l’utilizzo degli spazi e di diversi materiali, la portano a creare le sue “performance” di pittura e quadri in maniera “tradizionale”, che saranno presenti negli spettacoli, festival e gallerie d’arte. Inoltre alcune di queste opere, sono già in possesso di collezionisti privati.

È uscito "Ale", il nuovo album di Giordano

 


Le chitarre di “Ale” sono state registrate in meno di quattro ore ai Syed Studios di Latina, in un periodo di intensa attività musicale. Le prime in assoluto sono state quelle di “Cris”, “Cris again” e “Jazz”, ispirate a una persona che ha lasciato un segno indelebile nella vita di Giordano, che ha provato a rendere in musica i propri sentimenti. L’ultimo pezzo ad essere registrato (il primo in scaletta) è Ale decisamente rock, ed è arrivato nel momento in cui il chitarrista stava dialogando col padre, a contatto con tutte le cose belle rimaste di lui, indelebili da lì all’eternità. È un pezzo per niente tetro per niente lugubre, ma ironico e divertente, fresco come la persona che lo ha ispirato, un figlio di buona donna. Rispetto a “Cris” la sfida è stata di amare la bellezza di una persona senza invaderne la vita privata, di innamorarsi dei suoi comportamenti e dei suoi momenti più belli. Le chitarre sono volutamente pulite e durante l’esecuzione si cerca il fraseggio per dire che è ancora tutto possibile, e che si può continuare vivere senza paura di farsi male.

“Ale” è dedicato ad Alessandro Giordano, scomparso nell’estate del 2020, esempio per tantissimi giovani per la sua coerenza, caparbietà, ostinazione, pulizia e per non essersi mai piegato di fronte a niente e nessuno. 

GIORDANO - Dopo le prime influenze familiari che gli hanno fatto conoscere il rock anni, Rocco Giordano si è formato musicalmente a Piazza Quadrata, Latina, con il nome di battaglia di “Metallino”. A metà degli anni ‘80 l’heavy metal era nel suo massimo splendore e in piazza si poteva ascoltare musica dalle auto, bevendo birra sdraiati sul prato. Le chitarre classiche erano alla portata di tutti e ci si muoveva sempre uniti, in giro per l’Europa a vedere concerti. Chitarrista virtuoso, a vent’anni ha inciso il suo primo EP ed è stato tecnico backliner di artisti come Tozzi, Ruggeri, Cocciante e Pausini. Nel corso degli anni ha pubblicato l’album “Virgole”, il singolo “Thursday” e, infine, “Lockdown”: album scritto e registrato durante l’emergenza sanitaria del marzo 2020 a cui è seguito un tour virtuale, cominciato a gennaio 2021 e durato più di due mesi.


La pagina personale di Giordano su Facebook è QUI


È uscito "Al civico 2", edizioni Ensemble: undici voci per undici testimonianze

 





Italia, marzo 2020. Lockdown in tutto il paese. Roma, a parte qualche fantasma che si aggira per il centro, è deserta. In questo clima surreale, undici persone decidono di reagire alla chiusura forzata attingendo alla loro forza creativa. Guidati da una donna misteriosa, che li metterà di fronte agli eventi critici delle loro vite, iniziano un viaggio inaspettato, ognuno alla ricerca del proprio tesoro perduto. Fino all'approdo in una terra sconosciuta che cambierà definitivamente le loro storie.